Dal 11 al 20 settenbre 2019

[19/09/19]

E poi c'è Lei, la Kasbah di Algeri.
Vista anni fa nel mitico film di Gillo Pontecorvo.
Vista dal vivo nel 2002, quando andai ad Algeri la prima volta nel 92 non era direi il caso di visitarla.
Ora l'ho ritrovata più pulita, direi più turistica con piccoli gruppi guidati e negozietti e ristorantini.
Senza dimenticare però i drammi ed i morti e le esecuzioni avvenute per "liberare" L'Algeria dalla Francia.


[18/09/19]

La nuova pulita e funzionale metropolitana di Algeri mi porta in un attimo in pieno centro.
Evitando un traffico da record.
Uscendo il famoso bianco di case e palazzi mi fa sentire come immerso in una tazza di latte.
È un bianco sporco, scrostato dalla salsedine e dall'umidità del mare.
Fanno da contorno, porte portoni imposte e persiane blu. Ovunque librerie che fanno male al portafoglio, ma benissimo allo spirito.
Il Museo del Bardo, rinnovato, il Museo delle Antichità e poi giardini, scalinate, ambasciate ed hotels come se tutto il turismo mondiale dovesse confluire nel Golfo unico e splendido si Algeri la Bianca.

 


[14/09/19]

Sono andato a visitare qui a Tiaret negli Altopiani Algerini il più importante e grande allevamento di purosangue arabi.
Circa 300 meravigliosi esemplari.

Mi è stato detto che a poca distanza si stava svolgendo LA FANTASIA dal latino che vuol dire IN TRATTENIMENTO.
Un gruppo di cavalieri si lanciano prima al trotto e poi al galoppo fino al culmine della carica dove sparano a salve con i moschetti.

Nel nulla degli Altopiani tiaretini è stato uno spettacolo unico al mondo.
Ovviamente ero l'unico "Europeo".


[11/09/19]

Stranamente il volo da Malpensa su Algeri è vuoto.
Siamo solo in 13.
Forse tutti gli altri avevano avuto notizie sul meteo.
Mai ballato così tanto! Neanche doppiando le Bocche di Bonifacio in barca a vela.
Sole in quasi tutta L'Algeria tranne ad Algeri e Tiaret con pioggia vento freddo.
Rotto gli occhiali da vista...
Beh per ora può bastare.
 

 
Apro la CARTINA, la mitica Africa Nord e Ovest.
Scorro con il dito tutte le strade, le piste ed i fuoripista fatti in questi 27 anni di Sahara.
E mi rendo conto, che le citta' colorate mi hanno sempre attratto Chefchaouen, la Citta' Blu in Marocco, Timimoun la Citta' Rossa in Algeria, Sidi Bou Said la citta'. Bianca e Blu in Tunisia.
E poi c'e' Lei, Alger la Blanche, alla francese.
Da lontano, che sia via mare o via terra, o dal cielo appare quasi come un miraggio.
La Kasbah, la famosa Kasbah di Algeri resa celebre dal famoso film di Pontecorvo e li' si innalza, quasi a guardia della citta' stessa.
Entrarci e' un'emozione unica!
Seguiteci.